Hosting

Web server Wikimedia a Tampa, Florida.

In informatica si definisce hosting (dall'inglese to host, ospitare) un servizio di rete che consiste nell'allocare su un server web le pagine web di un sito web o un'applicazione web, rendendolo così accessibile dalla rete Internet e ai suoi utenti.

Tale "server web", definito "host", è connesso ad Internet in modalità idonea a garantire l'accesso alle pagine del sito mediante il web browser dell'host client dell'utente, con identificazione dei contenuti tramite dominio ed indirizzo IP. Il servizio può essere gratuito o a pagamento, tipicamente a qualità maggiore nel secondo caso.

La fornitura di servizi di connessione ad Internet, hosting, housing, e servizi connessi, è oggi un settore economico molto specifico, compreso all'interno dell'ICT, in cui operano molte realtà nazionali, ma anche grandi aziende transnazionali.

Pur essendo possibile ospitare il proprio sito web su un server o spazio FTP all'interno della propria infrastruttura, è prassi che ci si rivolga ai servizi forniti da imprese specializzate: provider, data center, società di telecomunicazioni, etc.

Quanto sopra riportato descrive più propriamente un web hosting: esiste anche l'hosting relativo a servizi infrastrutturali ovvero l'host network.

Tipologie

Le principali tipologie di servizi di hosting si possono suddividere in tre classi di base: gli hosting gratuiti, quelli a pagamento e quelli infrastrutturali, che sono una sottocategoria dei secondi.

Hosting gratuito

È in genere offerto dagli Internet Service Provider (ISP), come servizio elementare, in previsione di un passaggio a quello a pagamento. In molti casi si tratta di un servizio di natura promozionale mirato ad incoraggiare l'utente ad acquistare i servizi più avanzati, essendo quelli gratis estremamente basilari, oltre che inadatti a sostenere un flusso di visitatori consistente.
Un hosting gratuito include solitamente:

Tra gli svantaggi dell'hosting gratuito, rispetto a quello a pagamento, vi sono:

  • l'indirizzo del sito ospitato che coincide, in massima parte, con il nome dell'Internet Provider che lo ospita;
  • prestazioni tecniche poco performanti (molto spesso, per esempio, è possibile pubblicare soltanto siti statici scritti in linguaggio HTML);
  • mancata garanzia del servizio (con il rischio quindi che i siti "ospiti" possano non essere attivi per un determinato periodo di tempo);
  • una larghezza di banda contesa tra numerosi utenti.

Elenco

Servizio di hosting Company Fondazione Storage Monthly
bandwidth
File size limit FTP upload Page builder Templates Ad-free Blog Domain registration Archive site Custom HTML Custom CSS Custom JavaScript Custom File hosting API HTML5 eCommerce Prices of connecting owned domain
Angelfire Lycos 1996 20 MB 1 GB  ? Solo a pagamento No No No No No No No  ?
Google Sites* Google 2008 100 MB 1 GB/giorno 20 MB [1] No No No Parziale No No No No No Free[2]
Jimdo[3] Jimdo 2007 500 MB - Illimitato Illimitato 10 MB - 100 MB No No No No No US$90/anno
Neocities Neocities 2013 100 MB - 10 GB 200 GB - 2000 GB 100 MB No No Solo a pagamento No No US$5.00/mo[4]
Tripod.com Lycos 1995 20 MB 1 GB  ? No No No No No No No No No No  ?
uCoz uCoz Media 2005 400 MB Illimitato 15 MB No No No  ?
Webnode Webnode 2008 100 MB - Illimitato 1 GB - Illimitato 100 MB No No Parziale Parziale Parziale No  ?
Webs FreeWebs 2001 40+ MB 500 MB  ? Solo a pagamento No Solo a pagamento  ?  ? No No US$5.99/mo
Weebly Weebly 2006 Illimitato Illimitato 10 MB No No Parziale [5] Solo a pagamento US$8.00/mo
Wix.com Wix.com 2006 20GB Illimitato 50MB No Solo a pagamento Parziale Inline Only Parziale No [6] US$4.08/mo[7]
WordPress.com Automattic 2004 3 GB Illimitato Illimitato No No Parziale Solo a pagamento No No [8] US$13.00/year [9]
Yola Yola 2007 1 GB 1 GB 5 MB No No Solo a pagamento No Solo a pagamento  ?

Osservazioni:

  • Google fornisce i blog su Blogger; registrazione del dominio su Google Domains.

Hosting a pagamento

Esiste un grande ventaglio di offerte, in funzione dell'uso che si vuole fare del sito web: le offerte disponibili sul mercato permettono di solito di ospitare qualsiasi tipologia di sito, a patto che non vada a sovraccaricare il server in uso (cosa che avviene per troppi visitatori nel breve periodo o errori negli script dei siti). I siti statici in questo contesto sono basati esclusivamente su HTML / CSS / JS, sono modificati di rado e costringono l'utente che volesse fare modifiche ad alterare il markup HTML a mano:isiti dinamici, al contrario, godono dei vantaggi offerti da CMS, quali Joomla! e WordPress, ed offrono editor integrati, widget e facilitazioni varie.

Un servizio tipico, per un sito statico, può tra l'altro comprendere:

  • registrazione o trasferimento di un nome di dominio;
  • da uno a infiniti indirizzi di posta elettronica, associati a diverse caselle di posta (POP3) oppure ad una sola (alias e-mail);
  • filtri antispam ed antivirus;
  • un determinato quantitativo di spazio web;
  • gli strumenti adatti alla gestione delle pagine, quali file manager, prototipi, FTP, contatori di accesso, ecc.;
  • una quantità di banda mensile adeguata per il traffico generato dal sito.

Un servizio tipico, per un sito dinamico può comprendere, oltre a quanto già citato:

  • il supporto ad uno o più linguaggi di scripting, come ad esempio PHP, Python, o ASP;
  • il supporto ad un database on-line, come ad esempio MySQL o PostgreSQL;
  • servizi di statistiche e analisi del traffico, come ad esempio il software libero Webalizer o il più moderno Piwik;

L'hosting si differenzia anche in base al tipo di spazio che viene messo a disposizione:

  • un server dedicato (ovvero un server web che ospita un unico sito web);
  • un server condiviso (ospita una pluralità di siti sul medesimo server);
  • un cloud hosting;

Gli spazi venduti su server condiviso possono essere frazionabili o meno a seconda che permettano di ospitare un solo dominio o più domini.

Quanto alla banda mensile messa a disposizione, alcune offerte di spazio web prevedono bande illimitate.

L'hosting si differenzia anche in base alla piattaforma, cioè al sistema operativo installato sul server: Windows o Linux.

Uno dei vantaggi indiretti derivanti dall'uso dei siti statici rispetto ai dinamici, di fatto, è legato alla loro "immunità" a falle di sicurezza informatica a cui, invece, gli hosting che ospitano siti dinamici o con CMS sono soggetti [10].

Hosting infrastrutturale

Non esiste solo il web hosting per così dire "tradizionale"; i data center, nell'ambito delle logiche di cloud computing, possono anche mettere a disposizione un'intera infrastruttura di rete sotto forma di servizio di host network (managed network) implementato e fornito in logica IaaS (infrastructure as a service). Pertanto, il cliente può dotarsi di risorse hardware di rete e software (sistemi operativi e applicativi), configurate come desiderato, come se fossero di sua proprietà. Tipicamente, i server sono virtuali ma possono anche essere impegnate intere macchine pagando semplicemente il relativo canone: rientrano in questa categoria di servizi i cloud ad esempio di Amazon AWS e Google Cloud.

Vi possono essere due scenari:

  • 1) l'infrastruttura in hosting è solo una parte di quella complessiva che è quindi formata anche da risorse fisiche installate presso la sede del cliente; naturalmente quella in hosting è connessa, in una logica di rete integrata, a quella installata che, normalmente, supporta il Primary Domain Controller;
  • 2) l'intera e unica infrastruttura formata da server, storage, switch, firewall, ecc. è acquisita come servizio in hosting, pertanto il cliente deve unicamente interfacciarsi (attraverso un router e, se necessario, uno switch o anche un hub-nei casi minimali-installati in sede) con i client, spesso ridotti a semplici terminali. Ovviamente, i sistemi operativi lato server e gli applicativi di rete sono installati sull'infrastruttura in hosting, e anch'essi sono forniti come servizi.

Tutte le attività sistemistiche così come l'assistenza, le metodologie di sicurezza, la protezione e conservazione dei dati, fanno parte integrante del servizio.

In pratica, mentre nell'housing i mezzi fisici sono di proprietà del cliente, in questa forma di hosting (meglio, di cloud computing) le risorse (ma non i dati) sono di proprietà del fornitore che li eroga sotto forma di servizio, come se fosse una sorta di affitto.

I vantaggi per l'utilizzatore sono: eliminazione dei costi associati all'hardware e al software, continuità operativa degli apparati garantita, disponibilità di materiali mantenuti costantemente aggiornati, scalabilità immediata ed estremamente semplice da configurare, garanzia dell'accesso da ovunque e reperibilità dei dati, eliminazione delle spese di alimentazione elettrica e simili. Gli svantaggi sono: difficoltà "psicologica" ad accettare che le proprie informazioni non siano più residenti solo in azienda, inefficienze operative nel caso di connessioni lente.

Un player, a livello mondiale, che offre infrastrutture IT, anche estremamente complesse, erogate come servizi tariffati in funzione dell'utilizzo, è Amazon.

Note

Voci correlate

Collegamenti esterni

Portale Telematica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di reti, telecomunicazioni e protocolli di rete